header_sx.gif lupo005.gif
header_dx.jpg
Immagini ed emozioni dal cuore di un Lupo.
:: PASSIONI E VITA | | visite 499221 dal 24/03/2005 (oggi 64)

Home
Perchè Lupo
Chi sono
Lupetta
La Mia Africa
Epistole Africane
CAPODANNO AFRICANO
Immagini Africane
Arte Africana come dono
Nostalgia
Passioni e vita
Ciao Papà....
SABRINA un Amore in Viaggio. Un Viaggio d'Amore
Cindy
GIALLO MIMOSA - GIALLO DONNA
LAVORO: tutto quello che.....
GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
NONNI MERAVIGLIOSI
Una bella lettura per iniziare la giornata
Pillole di saggezza
Gioia e Sofferenza
TRISTEZZA
NON SOLO BIANCO....NON SOLO NERO....
DIFFAMAZIONE che arriva dall'arroganza?
ALEX GUARDA IL CIELO
Contatti
Mappa

ADUC Associazione Diritti Utenti e Consumatori
ADUC.gif
Chi sono
24/11/2018

Chi sono
24/11/2018

Chi sono
24/11/2018

Perchè Lupo
30/04/2018

Lupetta
28/08/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

La Mia Africa
20/08/2015

GIALLO MIMOSA - GIALLO DONNA
08/03/2014

GIALLO MIMOSA - GIALLO DONNA
08/03/2014

GIALLO MIMOSA - GIALLO DONNA
08/03/2014

GIALLO MIMOSA - GIALLO DONNA
08/03/2014

GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
08/01/2013

GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
08/01/2013

GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
08/01/2013

GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
08/01/2013

GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
08/01/2013

GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
08/01/2013

Pillole di saggezza
06/04/2012

Perchè Lupo
31/03/2012

La Mia Africa
30/03/2012

Perchè Lupo
28/03/2012

TRISTEZZA
30/01/2012

Pillole di saggezza
11/10/2011

NONNI MERAVIGLIOSI
31/10/2010

Pillole di saggezza
19/05/2010

Pillole di saggezza
14/08/2009


ARUBA
boxbar Link ARUBA.gif

INAFRICA
banner_1 INAFRICA.jpg

AYAS
www.varasc.it.jpg

stampa stampa | « vai alla lista

ALPINISMO
Monte Rosa e la Montagna


Da sempre chi vi scrive, è affascinato e coinvolto dalle bellezze della natura e la montagna in particolar modo. Tuttavia l’Amore vero è iniziato nel 1983 quando sono salito per la prima volta in questo luogo: il Rifugio ai piedi dei ghiacciai del M.Rosa, in alta val d’Ayas, ( Aosta ) un angolo di paradiso. Da allora, per 20 anni, ogni estate immancabilmente ero lassù. Corso di alpinismo e via per le ascensioni a quasi tutte le cime oltre i 4.000 mt. del M.Rosa. A toccare il cielo con un dito, a vivere emozioni incredibili per sentirsi grandi grandi e…piccoli piccoli.
A scuola di vita, a sentire la vita come solo la Montagna ne è maestra.
Ad esprimere tutto ciò che hai dentro per gioire e vivere, non sopravvivere.
Per realizzarmi e sentire me stesso, vivo e fiero come mai in nessun altro luogo ed altro modo.


Lassù non cè tenzone moralistica, la salita non è una fuga, l'andare in montagna non è uno scappar via dal un vuoto quotidiano fitto di trappole - il lavoro o lo studio - per precipitare in un altro vuoto che ci sfugge tra le dita al ritorno. La montagna diventa - anzi, è un'occasione per approfondire un incontro, per lasciarsi sollecitare da mille bellezze e coglierne il vero senso, per fare esperienza della mano di una compagnia che guida a un Destino che diventa sperimentabile come strade e come meta.
La montagna è il luogo in cui è possibile star soli di fronte a se stessi - nel senso buono del termine - stando con gli altri e viceversa.
In montagna è più facile ed immediato fare esperienza del valore degli altri, è impossibile iniziare ad accostarsi alla montagna da soli. La guida, il compagno di cordata, addirittura l'amico più esperto che conduce non sono optionals, sono necessari come l’aria che si respira.
La fatica della salita insegna che la compagnia vera non è compagnoneria futile e ciarliera ma è una prossimità silenziosa ed efficace che per il puro fatto di esserci sostiene il tuo cammino. In montagna si parla poco con la lingua e molto con gli occhi e con i piedi. Con gli occhi perché la compagnia ti fa vedere ciò che alla tua distrazione sarebbe sfuggito - un panorama, un passaggio insidioso, la meta o il rifugio lassù in alto. Con i piedi perché la più grande carità di cui si può essere fatti oggetto è quella di potersi e doversi adeguare a un passo che non è il proprio.
Andare in Montagna sembra facile e spontaneo. Non lo è affatto. Occorre una disciplina della persona, una padronanza delle proprie risorse, una capacità di superare crisi che sembrano senza rimedio. Chi corre per dieci minuti e si ferma sfiatato per altrettanti, non arriva da nessuna parte. Bisogna regolarizzare il passo, trattenere gli impeti, dosare energie, evitare il più possibile di fermarsi ad ogni piè sospinto. Ecco perché occorre l’umiltà di riconoscere che il ritmo del cammino può essere solo appreso ogni volta che per farlo occorre affidarsi ad un altro. La regola vale per tutti. Per i più bravi, che troveranno più gusto nell’ascesa. Per i più scalcagnati, che scopriranno risorse ed energie inaspettate. Per ciascuno, perché per dar credito a chi, dopo ore di cammino, ti dice che la meta è proprio lì a portata di mano, occorre quella fiducia in chi guida che solo l’esercizio della ragione e dell’obbedienza permettono.
La montagna non è cattiva o “severa” come recita certa retorica alpinistica né “terreno di gioco” come vorrebbe certo gigionismo climberistico. La montagna è quello che è. Essenzialmente un mucchio di sassi, come diceva Walter Bonatti. È la vita ad essere un Mistero in cui un Altro ci fa essere. E qualsiasi esperienza di vera montagna aiuta a capire e a far memoria.


( Attenzione a NON violare i diritti d'autore!!!!!......Ogni utilizzo improprio è severamente sanzionabile!)




Fermo al campo base a curarti le ferite dell'ultima caduta dalla cima, quella caduta non accidentale, ma come subita da un violento terremoto, ogni tanto alzi la testa e guardi la sommità che tocca il cielo. La guardi talvolta con paura, altre con indifferenza, la guardi come qualcosa che non apparterrà mai piu' a te. Tu hai già dato, hai scalato, lo hai fatto quando le tue forze vitali erano grandi, quando non esisteva nè stanchezza nè paura in te. Scalavi per sfida ma ben consapevole che ce l'avresti fatta e se ciò non fosse accaduto non sarebbe stata la fine del mondo, e loro sono sempre lì. Fermo a quel campo base ti lecchi le ferite, chiuso nella tua tenda non presti orecchio ai suoni del mondo, nè porgi occhio alle visioni che esso ti rivolge. Hai male ovunque, male alle ossa, male al cuore, male all'anima. Altro non vorresti che la tranquillità, altro non vorresti che ritrovare la stessa adrenalina che metti nella scalata lì pronta di fronte a te per potere allungare una mano e afferrarla senza sforzo o fatica perchè ne hai bisogno per sentirti bene. Altro non vorresti che sentire il sapore della vittoria dentro di te per placare ogni tuo desiderio e gustarti la felicità. Poi per incanto, quando piano piano le ferite si stanno rimarginando, rialzi timidamente la testa verso la cima, e ti sembra di scorgere qualcosa di meraviglioso lassu', qualcosa di diverso, di inafferabile forse, ma di enorme valore, un qualcosa che a valle non troverai mai disponibile. Vai a dormire con la stessa idea di quando ti svegli all’alba: " scalare quella cima" scalarla con le poche forze che ti rimangono, con le insidie e i pericoli che anche solo la scalata stessa potrebbe riservarti, scalarla senza alcuna certezza di arrivare, e di sentirla tua. La guardi, ne sei attratto, quasi ipnotizzato, lei è là silente che ti chiama, ti guarda, ti osserva. Sai bene che se mai la conquistassi avrebbe un sapore dolcissimo, sarebbe una vittoria per te enorme, vorrebbe dire che vuoi ancora vivere e non vegetare, significherebbe sconfiggere le tue paure, i tuoi timori , i tuoi dolori. Sei ai piedi della montagna, la sfiori, la tocchi come altre mille persone possono fare, sai che solo se poggerai i piedi sulla sua cima il tuo nome sembrerebbe scolpito in essa. Tira vento stamattina, il cielo è terso, la cima è sempre piu' bella, il richiamo sempre piu' forte, vorresti arrivare dove neanche le aquile osano volare. Inizi a preparare il tuo zaino, pesantissimo di retaggi, sai che man mano che ti avvicinerai alla cima potrebbe alleggerirsi fino a divenire leggero come una piuma. Guardi la cima, è lassu' che ti guarda, metti nello zaino la bandiera quella bandiera che potrebbe sventolare maestosa, ma che potrebbe anche restare ripiegata. Sei certo che da lassu' il panorama della vita sarebbe di una bellezza tale che altrove mai potrebbe offrirti. Sai che anche solo la scalata potrebbe fermarti, ferirti, sai che grosse bufere potrebbero scatenarsi, sai che fitte nebbie potrebbero disorientarti, che venti gelidi potrebbero farti desistere. Che fare? Partire? Osare? Scalare? Piano piano ti avvicini allo zaino,lo sistemi sulle stanche spalle, alzi lo sguardo ,la cima ti guarda...sorridi, raccatti le tue forze...e fra te e te bisbigli come a trovare certezze " ti scalerò, ci proverò, ci metterò tutto me stesso, se arriverò alla cima non mi è dato sapere, ma di certo sò che fin dove arriverò mi sentirò vivo e potrò dire a me stesso almeno ci ho provato"  


top 

Altri Link

SOLE 24 ORE
LOGO SOLE24H.gif

SINDACARE.gif
ASSICURAZIONE AUTO-MOTO GENIALLOYD
GENIALLOYD LOGO.jpg

MOBBING?
NO GRAZIE!
Alt.gif
FORZE DELL'ORDINE
FORZE DELL'ORDINE LOGO.jpg
LA NOTIZIA? E CHE NOTIZIA!.....MAI SOTTOVALUTARNE I MEZZI....E I RISULTATI......
GABIBBO.jpg

POLIZIA DI STATO
POLIZIA DI STATO logo.gif

TUTTO QUELLO CHE NON PENSAVI....MENTRE PARLI.......
SILENZIO 2.jpg

CUOREDILUPO giessea.com

**N.B. Testi ed immagini di questo sito sono tutte di esclusiva proprietà intellettuale dell'Autore e quindi protetti e tutelati dalle normative vigenti sul diritto d'autore e Copyrigth ©, conseguentemente ogni riproduzione, traduzione e adattamento sono proibiti senza l'espressa autorizzazione dello stesso. Pur vero che alcune immagini e testi non sono riconducibili all'autore, in quanto il materiale in rete è vastissimo ed in molti casi risulta impossibile risalire alla fonte. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale secondo le normative vigenti. L’autore non è responsabile di eventuali errori di sistema, né del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti sono tratti dalla rete e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno immediatamente sistemati o rimossi. Scontato avviso che immagini e testi ove non espressamente dichiarato, sono reperite nel Web, quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo educatamente, e si provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato. AVVERTENZA IMPORTANTE: esposizioni accurate ed incisive potrebbero sembrare reali, tuttavia i nomi, i personaggi, i luoghi, e gli eventi descritti, in alcuni casi sono del tutto immaginari ed ogni somiglianza con persone vive o defunte, nonchè avvenimenti realmente accaduti o ambienti esistenti è puramente casuale. Un utilizzo improprio da parte di terzi del contenuto di questo sito non rende l'autore responsabile di eventuali illeciti. (Come da normative vigenti). Grazie.