header_sx.gif lupo005.gif
header_dx.jpg
Immagini ed emozioni dal cuore di un Lupo.
:: LAVORO: TUTTO QUELLO CHE..... | | visite 423371 dal 24/03/2005 (oggi 2)

Home
Perchè Lupo
Chi sono
Lupetta
La Mia Africa
Epistole Africane
CAPODANNO AFRICANO
Immagini Africane
Arte Africana come dono
Nostalgia
Passioni e vita
Ciao Papà....
SABRINA un Amore in Viaggio. Un Viaggio d'Amore
Cindy
GIALLO MIMOSA - GIALLO DONNA
LAVORO: tutto quello che.....
GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
NONNI MERAVIGLIOSI
Una bella lettura per iniziare la giornata
Pillole di saggezza
Gioia e Sofferenza
TRISTEZZA
NON SOLO BIANCO....NON SOLO NERO....
LE 'COMICHE' VERITA'
DIFFAMAZIONE che arriva dall'arroganza?
ALEX GUARDA IL CIELO
Contatti
Mappa

ADUC Associazione Diritti Utenti e Consumatori
ADUC.gif
Chi sono
22/12/2016

Lupetta
28/08/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

LAVORO: tutto quello che.....
01/01/2016

La Mia Africa
20/08/2015

Chi sono
04/01/2015

Chi sono
28/08/2014

GIALLO MIMOSA - GIALLO DONNA
08/03/2014

GIALLO MIMOSA - GIALLO DONNA
08/03/2014

GIALLO MIMOSA - GIALLO DONNA
08/03/2014

GIALLO MIMOSA - GIALLO DONNA
08/03/2014

La Mia Africa
19/08/2013

GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
08/01/2013

GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
08/01/2013

GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
08/01/2013

GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
08/01/2013

GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
08/01/2013

GOLF: MARE VERDE O MARE BLU?.......
08/01/2013

Pillole di saggezza
06/04/2012

Perchè Lupo
31/03/2012

La Mia Africa
30/03/2012

Perchè Lupo
28/03/2012

TRISTEZZA
30/01/2012

Pillole di saggezza
11/10/2011

NONNI MERAVIGLIOSI
31/10/2010

Pillole di saggezza
19/05/2010

SABRINA un Amore in Viaggio. Un Viaggio d'Amore
16/10/2009


ARUBA
boxbar Link ARUBA.gif

INAFRICA
banner_1 INAFRICA.jpg

AYAS
www.varasc.it.jpg

stampa stampa | « vai alla lista

01/01/2016
ETICA MANAGERIALE
L'obiettivo dell'imprenditore illuminato resta quello di migliorare il profitto. Ma oggi cambiano le modalità. E chi non capisce quanto siano importanti i valori immateriali nelle organizzazioni rischia di essere tagliato fuori.

Si discute sempre più spesso di etica nel mondo del business. Quando studiavo Economia all'università, i sacri testi dicevano che il compito dell'imprenditore illuminato era quello di combinare i fattori della produzione nel modo più efficace e più efficiente per generare il più alto profitto possibile. Sottolineo: il più alto possibile. Oggi non è più così? Non credo. Ma il contesto macro è mutato e richiede nuove regole del gioco.

Al concetto di più alto profitto possibile si è necessariamente associato un concetto temporale. L'accelerata dinamicità di tutto ciò che ci circonda (dai consumi agli spostamenti, al tempo libero) ha esposto le aziende a un maggiore rischio di fallimento. E quindi di scomparsa, con tutti i relativi disagi e costi, imprenditoriali e sociali. Ciò ha suggerito di non forzare la capacità di un'azienda di produrre un profitto extra nel breve periodo, cosa che ridurrebbe le risorse disponibili per fronteggiare difficoltà impreviste negli esercizi successivi. È nato così il concetto di sviluppo sostenibile, cioè la capacità di produrre un risultato possibile e duraturo.

In tutte le società ricche e avanzate le esigenze crescono con il crescere della disponibilità economica e intellettuale. Le esigenze primarie dell'essere umano, che si tratti di mangiare piuttosto che di vestirsi, sono ampiamente soddisfatte. Poi ci sono quelle relative alla sicurezza, alla mobilità, al tempo libero. Nella famosa scala dei bisogni di Abraham Maslow (Maslow's hierarchy of needs) dopo il bisogno d'amore e di stima compaiono i bisogni di armonia con ciò che ci sta intorno: la pace, l'estetica e, sempre di più, il bisogno di giustizia, equità, e così via. Non è questo uno sviluppo che fa crescere l'esigenza di etica? In questo contesto l'imprenditore accorto, che ormai sempre più spesso è un manager proprio perché si tende a richiedere e premiare con posizioni di comando la competenza piuttosto che il possesso del capitale, riconosce questa situazione. Spesso aiutato da informazioni sofisticate, il manager sa che i prodotti sono sempre più indifferenziati e sostituibili, e/o i clienti/consumatori sempre meno fedeli. Per distinguersi, quindi, bisogna avere la capacità di offrire un valore aggiunto: la buona reputazione dell'azienda. E in tema di reputazione può rappresentare un bel passo avanti l'esistenza di una cultura aziendale costruita solidamente attorno a principi etici che si trasformano in comportamenti condivisi. Limprenditore manager lo sa bene e adatta la propria azienda a questo nuovo stimolo, trasformandolo in vantaggio competitivo.

La buona reputazione dell'azienda non serve solo a vendere meglio, ma anche ad attrarre il fattore fondamentale per lo sviluppo: le risorse umane. Oggi, infatti, la risorsa di gran lunga più strategica è rappresentata dalla conoscenza, dal know how. Per assicurarsela un'azienda deve cercare le migliori intelligenze disponibili. Ma non basta. Ci vogliono anche il carattere e i valori corretti. Un grande guru della pubblicità aveva coniato questo slogan: «Noi assumiamo solo gentleman con un cervello». Che, in generale, chiedono di essere remunerati non solo con stipendi adeguati, ma anche con altro: training, pari opportunità di crescita e sviluppo, equità, trasparenza fortemente motivati e sostenuti da una guida imprenditoriale estremamente capace ed affidabile. E si ritorna ancora all'etica: impossibile assumere i migliori talenti se si ha fama di sfruttatori.

Ecco allora che le migliori organizzazioni aziendali di qualsiasi livello si trasformano. Si tende ad avere sistemi d'incentivazione che rendano maggiormente evidente la partecipazione delle risorse strategiche al risultato. Le stock option, se usate bene e regolate con attenzione, sono una risorsa fondamentale in tal senso. Si tende, e si tenderà sempre più, a organizzazioni a partecipazione diffusa (public company), dove una parte sempre più rilevante della proprietà sarà delegata e “rappresentata” da chi lavora. Ma si è ancora all'inizio. Specie da noi, dove il sistema fiscale non offre ancora opportunità che una regolamentazione valida e moderna potrebbe offrire allo sviluppo.

Ritornando all'imprenditore che qualche anno fa massimizzava i fattori produttivi, e alla domanda iniziale, le cose sono davvero cambiate? La risposta è no. Si sono solo adattate alla realtà: l'imprenditore manager continua oggi a fare lo stesso mestiere, ma in modo più consono ai tempi. Naturalmente non è sempre tutto rose e fiori e ci sono molti furbi in giro. Ma di certo questi non raggiungeranno risultati soddisfacenti nel lungo periodo, perché il modello di business che hanno adottato non è sostenibile. Farebbero bene a ragionarci sopra e a valutare meglio le loro convenienze.


di Cesare Valli Presidente e Amministratore Delegato HILL & KNOWLTON


 


top 

Altri Link

SOLE 24 ORE
LOGO SOLE24H.gif

SINDACARE.gif
ASSICURAZIONE AUTO-MOTO GENIALLOYD
GENIALLOYD LOGO.jpg

MOBBING?
NO GRAZIE!
Alt.gif
FORZE DELL'ORDINE
FORZE DELL'ORDINE LOGO.jpg
VELEGGIARE NON è SOLO UN SOGNO
VELA SOGNO.gif
LA NOTIZIA? E CHE NOTIZIA!.....MAI SOTTOVALUTARNE I MEZZI....E I RISULTATI......
GABIBBO.jpg

YAMAHA
yamahaclub_verticale.jpg

POLIZIA DI STATO
POLIZIA DI STATO logo.gif

TUTTO QUELLO CHE NON PENSAVI....MENTRE PARLI.......
SILENZIO 2.jpg

CUOREDILUPO giessea.com

**N.B. Testi ed immagini di questo sito sono in gran parte di proprietà esclusiva dell'Autore e quindi protetti e tutelati dalle normative vigenti sul diritto d'autore (Copyrigth ©), conseguentemente ogni riproduzione, traduzione e adattamento sono proibiti senza l'espressa autorizzazione scritta dello stesso. Pur vero che certe immagini e testi non sono dell'autore, in quanto il materiale in internet è vastissimo ed in molti casi è impossibile risalire alla fonte. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile del contenuto, di eventuali errori di sistema, né del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno immediatamente sistemati o rimossi. Scontato avviso che immagini e testi ove non espressamente dichiarato, sono reperite nel Web, quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo educatamente, e si provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato. AVVERTENZA IMPORTANTE: esposizioni accurate ed incisive potrebbero sembrare reali, tuttavia i nomi, i personaggi, i luoghi, e gli eventi molto spesso sono del tutto immaginari ed ogni somiglianza con persone vive o defunte, nonchè avvenimenti realmente accaduti o ambienti esistenti è puramente casuale. Un utilizzo improprio da parte di terzi del contenuto di questo sito non rende l'autore responsabile di eventuali illeciti. (Come da normative vigenti). Grazie.